Riparte l’iniziativa #ioleggoperchè. Parola d’ordine ‘crescere ancora’

28.03.2019

Riparte #ioleggoperché, l’iniziativa nazionale di promozione della lettura, ideata da AIE (Associazione Italiana Editori) con lo scopo di formare nuovi lettori e di  instillare nei ragazzi l’abitudine alla lettura, grazie alla creazione e al potenziamento delle biblioteche scolastiche.

Un’iniziativa straordinaria in quanto mette in circolo l’amore per i libri e per la lettura, e che per tale motivo si conferma un eccezionale motore di promozione della lettura. Un’attività unica, che si sostanzia di passione: una parola che deve tornare ad essere centrale nel percorso formativo dei giovani. – ha dichiarato il Ministro Bussetti.

In soli tre anni il progetto ha conseguito uno straordinario successo portando ben oltre  650mila libri nelle scuole di tutt’Italia, grazie alla passione e al costante impegno di insegnanti, librai, studenti ed editori ma anche del pubblico che ha contribuito alle donazioni.

Fino al 20 settembre tutte le scuole italiane, di ogni ordine e grado,potranno iscriversi sulla piattaforma www.ioleggoperche.it che, successivamente, consentirà loro anche di raccontare le attività avviate grazie ai libri ricevuti con il progetto. Inoltre dalla fine del mese di aprile anche le librerie potranno iscriversi al sito in modo tale da avviare la fase operativa di gemellaggio con le scuole.

L’edizione del 2019 culminerà nel periodo 19-27 ottobre, quando nelle librerie che aderiranno all’iniziativa si potranno acquistare libri da donare alle Scuole dei quattro ordinamenti: infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado. Al termine della raccolta gli Editori potranno contribuire donando alle Scuole un numero di libri pari alla donazione nazionale complessiva (fino a un massimo di 100.000 volumi). I volumi saranno suddivisi secondo disponibilità tra le scuole iscritte e che faranno richiesta attraverso il portale.

La parola d’ordine per l’edizione del 2019 è “crescere ancora”, infatti obiettivo di AIE – ha sottolineato Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione, è di trasformare l’iniziativa in una Bookthon, una sorta di Telethon dei libri, “per diffondere il più possibile sia la chiamata alla partecipazione sia i valori positivi che le scuole sono in grado di veicolare”. L’augurio è che il progetto continui a crescere in modo tale che le scuole italiane possano arricchire il loro patrimonio di libri.  

Per iscrivere la tua scuola a #ioleggoperchè registrati  come Referente scolastico cliccando qui

Fonte : Ioleggoperchè

Staff Aretè